Il piccolo flauto magico

Presentazione de Il piccolo flauto magico

LO SPETTACOLO

IL PICCOLO FLAUTO MAGICO
tratto da Il Flauto magico di W.A. Mozart
Drammaturgia musicale Federica Falasconi
Drammaturgia e regia Stefania Panighini

Soprano Bianca Tognocchi – Lucrezia Drei
Baritono Mattia Olivieri – Tommaso Quanilli
Pianoforte Elisa Montipò

Regia
Stefania Panighini

Scene e illustrazioni
Giada Abiendi

Realizzazione costumi
As.Li.Co.

Tecnico
Giovanni D’Apolito

Note di regia
di Stefania Panighini
Sarà un’avventura meravigliosa: quella del crescere! Tamino è un giovane principe che non conosce l’amore, non sa cosa sia il pericolo e non ha ancora scoperto la saggezza: solo grazie alla musica del suo flauto imparerà cosa significa diventare adulti, abbandonare l’istinto dei sensi e lasciarsi guidare dalla saggezza e dall’onestà, conquistando così l’amata Pamina. Buio e luce, ragione e sentimento, maschile e femminile. Il Flauto Magico è una fiaba filosofica, dove importanti insegnamenti illuministici sono tradotti per bambini in un linguaggio musicale, per natura universale, accattivante e perfettamente fruibile da un pubblico anche giovanissimo.
La storia all’apparenza sembra semplice. Il malvagio Sarastro ha rapito la principessa Pamina; sua madre, la regina Astrifiammante, ha chiesto al valoroso Tamino di andare a riprenderla, superando le avversità grazie al Flauto Magico.
Durante il viaggio però Tamino (e il pubblico con lui), insieme al potere benefico che la musica del Flauto ha sulle belve feroci e sui nemici, impara a guardare il mondo con occhi diversi; la storia allora si trasforma: in realtà Sarastro è un uomo saggio, che ha salvato Pamina dai desideri di vendetta della terribile madre. La vera sfida è dunque imparare a mantenere il cuore saldo, combattendo contro le proprie paure e non contro gli altri: la musica è l’elemento magico che pacifica l’animo e che sprona Tamino e Pamina a sconfiggere paure ancestrali come l’acqua e il fuoco, per renderli infine un uomo e una donna saggi e forti.
Per sfidare mostri, onde, fiamme, fulmini e saette ci vuole però anche un amico leale, sincero, generoso: Papageno! Sarà lui a condurci nei meandri del Regno della Notte e poi verso la luce del Regno del Sole e, anch’egli in cerca dell’amore come Tamino, troverà alla fine la sua compagna ideale, Papagena.
Proprio questi due personaggi buffi e semplici, vicini alla sensibilità dei più piccoli, guideranno i bambini in questa storia meravigliosa di parole e musica, di legno e stoffa, di luci colorate e ombre, di stelle d’alluminio e fiori di cartamusica, perché non si è mai troppo piccoli per entrare nel fantastico teatro di Mozart.

Trama
Questa è la storia di un viaggio, o meglio di due viaggi: è la storia del cammino che compiono due giovani eroi per incontrarsi! Da un lato della foresta c’è Tamino: un principe venuto da lontano, che suo padre ha mandato a esplorare il mondo, per crescere e diventare saggio.
Dall’altro lato c’è Pamina: una principessa, che è stata rapita alla madre e rinchiusa poi in un tempio!
In mezzo? Beh in mezzo c’è la foresta, e dentro la foresta… alberi giganti, serpenti dagli occhi incantatori, spiriti volanti e papageni! Come non sapete cosa sono i papageni? I papageni sono degli uccelli parlanti, con le penne di tanti colori diversi, sono molto chiacchieroni, ma anche tanto buoni, non ne avete mai visto uno? Eccolo! Papageno, insieme a voi, accompagnerà Tamino nella sua avventura.
Benvenuti nel regno della regina Astrifiammante, la temibile Regina della Notte! In questo momento la regina è molto arrabbiata, perché sua figlia Pamina è stata rapita. Tamino dovrà riportarla a casa! Il giovane si è innamorato di lei, solo vedendo un suo ritratto, ed ora è pronto a sconfiggere qualsiasi mostro, pur di salvarla!
Un flauto magico per Tamino e dei campanelli per Papageno, sono il dono che la temibile Regina offre per il viaggio: contro qualsiasi difficoltà la musica li proteggerà!
Intanto dall’altro lato della foresta, ecco un altro papageno… ah no! E’ una bellissima Papagena, amica della principessa Pamina!
La fanciulla è stata rapita dal re del Sole, il rispettabile Sarastro, affinché potesse liberare il suo cuore dall’oscurità e aspettare un principe, così valoroso, da superare ogni difficoltà per averla. Ma Pamina non è una di quelle principesse che stanno ad aspettare: Papagena sarà la sua fida messaggera, per lei tutto vedrà e tutto ascolterà!
Tamino e Papageno sono ormai giunti alle porte del regno del Sole, per arrivare fino alla Principessa Pamina dovranno superare tre prove molto difficili: la prima è quella del silenzio. Sapete restare in silenzio? Non potrete parlare con nessuno: chiunque vi parli, per quanto sia buono e gentile, non deve avere risposta!
Per essere degli eroi, bisogna dimostrare di essere tenaci!!!
Le ultime due prove sono molto più difficili da superare: enormi onde d’acqua e velocissime lingue di fuoco stanno per inghiottire Tamino, che deve attraversare da solo le difficoltà per diventare grande! Nessuno può accompagnarlo! Ma… ma chi c’è con lui? E’ Pamina, la principessa coraggiosa, riuscita a fuggire dalla sua prigione dorata! Si prendono saldamente per la mano, per compiere insieme il difficile cammino della crescita!
Tutti voi insieme a Papageno potete aiutarli, come? Con la musica! Cantate forte, in modo che nel pericolo più nero i due principi possano sentire il loro cuore colmo di affetto e amicizia, grazie alla vostra musica: questa è l’arma migliore che si possa avere!
Bravi! Tutti insieme ce l’abbiamo fatta, Tamino e Pamina finalmente vivono felici e contenti nel regno del Sole!
Ah dimenticavo! Anche Papageno e Papagena vivono felici e contenti nella foresta!!!